Linee tecniche

Nemopak SC

carpocapsaeNematodi per il controllo di carpocapsa, grillotalpa, tipule, piralide del bosso e pulci dei gatti. Steinernema carpocapsae è un nematode entomopatogeno impiegabile per il controllo di lepidotteri piralide del bosso.

Meccanismo di azione:
I nematodi entomopatogeni devono la loro efficacia nel controllo biologico di insetti, alla simbiosi mutualistica con alcuni microrganismi che vivono nel proprio apparato digerente. I nematodi penetrano gli insetti attaccati attraverso la bocca, le aperture respiratorie, gli spazi intersegmentali o l’ano ed, una volta all’interno, il batterio simbionte viene riversato nel corpo dell’ospite ove si sviluppa determinandone la morte rapidamente. Una volta che il corpo dell’ospite è stato digerito dall’azione del batterio, questo diventa un substrato per la riproduzione del nematode. A seguito di più cicli di riproduzione, il nematode riempie del tutto il corpo dell’ospite per poi evadere allo stadio di larva infettiva che ricerca altre vittime.
I nematodi entomopatogeni sono tipicamente terricoli, e la loro vitalità è rapidamente compromessa dalla disidratazione e dalle radiazioni solari presenti al di fuori del suolo. L’utilizzo di un particole ceppo del nematode Steinernema carpocapsae, con uno speciale liquido applicatore a base di chitosano (polisaccaride ottenuto dalla lavorazione della chitina presente nell’esoscheletro di crostacei), è oggetto di una tecnica brevettata che consente l’applicazione efficace dei nematodi anche al di fuori del suolo, contro diverse specie bersaglio. In questo modo i nematodi riescono ad essere attivi anche per alcune settimane, ed a colpire sia gli adulti del rincoforo con i quali vengono a contatto, sia le larve di esso e della Paysandisia, che infettano approfondendosi nelle gallerie.

Dosi e Applicazione:
Una confezione di Nemopak Sc 50 è sufficiente per trattare 100-150  ml di siepe. Seguire le istruzioni allegate alla confezione per la preparazione e la manipolazione del prodotto. Le piante devono essere trattate con un mezzo a doccia od attrezzature simili, bagnando in modo uniforme fino al gocciolamento.

Conservazione:
I nematodi vanno conservati nella confezione chiusa ed in frigorifero (8-10°C), sino alla data indicata sulla confezione.

Utilizzo per piralide del bosso (Cydalima perspectalis): Applicare di sera sulla chioma.

Confezione: NEMOPAK SC
Contenuto: 50 milioni di larve

Confezione: NEMOPAK SC 500
Contenuto: 500 milioni di larve

Dosaggio: Per la Piralide del bosso: 50 milioni di larve per 100-150  ml di siepe

Prodotto soggetto a scadenza. Si consiglia di acquistare i nematodi in prossimità dell’utilizzo. Conservare la confezione integra al buio ed in luogo fresco (4-10°C). Da utilizzare entro una decina di giorni dalla consegna e in ogni caso non oltre la data di scadenza riportata sulla confezione di vendita. NON UTILIZZARE CON TEMPERATURE DEL TERRENO INFERIORI A 15°C


 

BTK 32 WG (Bacillus thuringiensis  var. Kurstaki)

DSC_0700BTK 32 WG (Bacillus thuringiensis  var. Kurstaki) è un insetticida naturale, attivo per ingestione sugli stadi larvali di tutti i lepidotteri nei confronti dei quali esplica la sua attività per azione della delta-endotossina contenuta nei cristalli proteici della spora. Tale tossina viene degradata grazie al pH alcalino presente nell’intestino delle larve di lepidotteri e provoca una serie di alterazioni che portano alla morte dell’insetto.

BTK 32 WG è totalmente innocuo nei confronti dell’uomo, animali, insetti utili e, grazie alla formulazione in microgranuli idrodispersibili, possiede un’ottima solubilità in acqua.
Occore applicare il prodotto preferibilmente nelle ore più fresche della giornata con un volume medio-alto di acqua.
L’aggiunta di un bagnante adesivante può essere utile per ottenere una migliore distribuzione e persistenza del prodotto.

Il prodotto si impiega alle dosi consigliate in etichetta da irrorarsi con una quantità d’acqua sufficiente a garantire la completa copertura delle colture da difendere.
Le dosi per ettolitro si riferiscono a trattamenti a volume normale: 10 hl di acqua/ha su fruttiferi, pioppo ed essenze forestali, 6 hl/ha per le altre colture. In caso di impiego di volumi d’acqua diversi, adeguare le dosi per ettolitro in modo tale da distribuire per unità di superficie la dose per ettaro indicata. In presenza di acqua con pH superiore a 7,5 è necessario acidificare la soluzione acquosa prima di miscelare BTK 32 WG. L’acidificazione può essere effettuata con Altensiv pH (50 ml/hl).

Altensiv pH (miscela di acidi organici e tensioattivi vegetali) è un formulato liquido correttore di acidità ad azione potenziata ed alta compatibilità con agrofarmaci e fertilizzanti. L’impiego del prodotto è particolarmente indicato in presenza di acque alcaline, dove un abbassamento del pH risulta necessario per meglio veicolare all’interno della pianta vari nutrienti oppure sostanza attive ad azione antiparassitaria. La particolare formulazione di Altensiv pH favorisce l’adesività delle miscele sulla vegetazione trattata, determinando un collaterale effetto detergente e di abbattimento dell’eventuale formazione di schiuma nelle botti (effetto antischiuma).

L’utilizzo abbinato di BTK 32 WG con Altensiv pH evita che il cristallo proteico del Bacillus thuringensis, in presenza di pH troppo elevato, subisca la trasformazione nella soluzione acquosa, anziché all’interno della larva di Piralide.
L’acidificazione con Altensiv pH aumenta notevolmente l’efficacia di BTK32WG.